Kanye West, 60mila voti e tanta fede: “Presidente nel 2024”

Il noto rapper e produttore ha confessato di essersi recato al seggio per la prima volta: "Ho votato per me stesso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Brando Ricci

ROMA – Kanye West è un rapper, un produttore, uno stilista e, per almeno 60.000 cittadini americani, anche un politico degno di essere presidente degli Stati Uniti. Questo infatti il numero di voti ottenuti dal musicista, marito di Kim Kardashian, candidato come indipendente alle elezioni di martedì, che ancora devono indicare un vincitore tra il presidente Donald Trump e lo sfidante Joe Biden. Mentre si contano i voti per posta e polemiche e bagarre legali iniziano a imporsi, è infatti già tempo di bilanci per il rapper, fama internazionale, cristiano devoto, nato ad Atlanta 43 anni fa e cresciuto a Chicago.

Secondo la rivista americana Deadline, nei 12 Stati dove era possibile votare per West, 60.000 persone hanno espresso la loro preferenza per il rapper. Tra queste, lo stesso West, che dal Wyoming ha ammesso di aver votato per se stesso e ha anche ammesso di essere andato alle urne per la prima volta nella sua vita. Tra i risultati migliori ottenuti dal musicista, che prima di candidarsi di persona si era detto un sostenitore di Trump, le 10.000 preferenza ottenute in Tennessee, unico Stato nel quale ha raggiunto una quota di voti a cinque cifre. Il rapper, che ha già detto che si ripresenterà nel 2024, aveva affermato pochi giorni dopo la sua candidatura di voler governare ispirandosi a Wakanda, il regno dei fumetti Marvel idealmente collocato in Africa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»