Lesioni, violenza privata e estorsioni: 6 arresti al clan Orlando a Marano di Napoli

Le indagini hanno permesso di ricostruire il coinvolgimento degli arrestati nel pestaggio di un cittadino albanese. I fatti risalgono al febbraio 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI –  Nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Dda di Napoli, i carabinieri di Marano di Napoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, di cui 4 in carcere e 2 agli arresti domiciliari, emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, nei confronti di 6 soggetti ritenuti gravemente indiziati di lesioni, violenza privata e estorsione (solo per uno degli indagati), aggravate dal metodo mafioso, volendo affermare la forza e il controllo del territorio del clan Orlando. Si tratta di Pasquale Baiano, Celestino De Fenza, Ciro Marra, Carlo Gaetano Orlando, Kamel Rahmani, Gianluca Troise. Le indagini hanno permesso di ricostruire il coinvolgimento degli arrestati nel pestaggio di un cittadino albanese nel territorio del comune di Marano. I fatti risalgono al febbraio 2018, quando la vittima, accusata dal clan di aver picchiato la ex compagna, poi divenuta la donna di uno di loro, venne invitato con un escamotage all’interno di una palestra di Marano, di proprietà di uno degli indagati, dove ad attenderlo erano presenti tutti gli arrestati che senza dargli possibilità di replica lo aggredirono brutalmente con calci e pugni, intimandogli di andare via da Marano. Non potendo denunciare il pestaggio, per paura di ulteriori ritorsioni fu costretto a versare un compenso in denaro, “un regalo”, alla criminalità organizzata locale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»