Il 7 novembre esce ‘Non fate i bravi’, il libro postumo di Nadia Toffa

Pubblicata da Chiarelettere la raccolta di pensieri consegnati alla madre Margherita nell'ultimo periodo della malattia. I proventi andranno in beneficenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Giovedì 7 novembre arriverà nelle librerie italiane ‘Non fate i bravi’, il libro postumo scritto da Nadia Toffa, la conduttrice televisiva de Le Iene morta lo scorso agosto a causa di un tumore. Il libro, pubblicato da Chiarelettere, è una raccolta di pensieri e riflessioni che Nadia ha consegnato alla madre Margherita nell’ultimo periodo della malattia.

LEGGI ANCHE: È morta Nadia Toffa, storica conduttrice de Le Iene

Il desiderio di Nadia era che i testi da lei scritti in quei momenti di silenzio e dolore, fossero pubblicati, per non nascondere nulla e continuare a essere sé stessa fino alla fine.

La madre Margherita ha realizzato il suo ultimo desiderio, annunciando l’uscita del libro sul profilo Facebook. I proventi del libro saranno devoluti in beneficenza.

LEGGI ANCHE: Nadia Toffa, Fabi: “All’Ire avviata sperimentazione con carboplatino”

Dalla quarta di copertina:

“Ho imparato a non odiare il dolore per imparare ad amare la vita”. Le sue parole dirette, spesso venate di ironia, mai banali, sono rivelatrici di come era lei veramente, del suo immenso amore per la vita: ci arrivano dritte al cuore e ci colpiscono per la loro carica di umanità e la magia che ci trasmettono. “Sei stata capace di mettere l’Italia sottosopra unendo il Nord e il Sud… Sei entrata nel cuore di tutti. Hai raccontato le tue fragilità dandoci coraggio. Hai avuto fame e sete di giustizia”. Don Maurizio Patriciello, simbolo della lotta nella Terra dei fuochi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»