A Verona il centrodestra vuole diffidare Balotelli

La loro tesi è che i cori razzisti non ci siano mai stati e che il calciatore del Brescia starebbe diffamando la città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Fabrizio Tommasini e Adriano Gasperetti

VENEZIA  – Diffidare legalmente il calciatore Mario Balotelli e “tutti coloro che attaccano Verona diffamandola ingiustamente“. Questa la richiesta contenuta dalla mozione presentata ieri dal consigliere comunale veronese Andrea Bacciga (Battiti per Verona), dopo quando accaduto domenica durante la partita tra Hellas Verona e Brescia.

LEGGI ANCHE: Cori razzisti contro Balotelli, Spadafora incalza la società e il sindaco: “Condannino”

Secondo la mozione, Balotelli sarebbe uscito dal campo accusando la tifoseria del Verona di aver intonato cori razzisti ma “nessuno presente allo stadio udiva tali ululati, né il pubblico presente, né la panchina del Brescia né i giornalisti presenti”. In seguito all’avvenimento, che ha portato anche ad una sospensione della partita, “iniziava subito una campagna mediatica contro la città di Verona”. Di qui la mozione, che recita: “Non è più accettabile che Verona sia messa sul banco degli imputati pur quando, come in questo caso, non è accaduto nulla“.

LEGGI ANCHE: Cori razzisti contro Balotelli, Spadafora incalza la società e il sindaco: “Condannino”

Una mozione a difesa di Verona, per una “condanna politica per chi diffama la città”. L’iniziativa è partita dal consigliere comunale veronese Andrea Bacciga (Battiti per Verona), seguito da altri quattro: “La mozione l’ho presentata io– spiega all’agenzia Dire- su richiesta di molti cittadini e firmata anche da altri consiglieri”.

La mozione impegna, si legge, “il sindaco, l’assessore e gli uffici legali del Comune a diffidare legalmente e/o adire le vie giudiziali nei confronti del calciatore (Mario Balotelli, ndr) e di tutti coloro che attaccano Verona diffamandola ingiustamente”. Al contrario di quanto denunciato dal calciatore e dai media, in occasione della partita con il Brescia “non c’è stato nessun caso di razzismo”, anche perché “il razzismo negli stadi non esiste”, precisa Bacciga. Che domenica era allo stadio: “Allo stadio non si è sentito nessun ululato. Mi sembra che sia stata una sorta di costruzione ad hoc, messa ad arte per diffamare ingiustamente Verona. Se come dicono c’è stato un ululato di 10 persone, non si capisce come abbia fatto Balotelli a sentirlo. L’ha sentito solo lui. Sembra quasi fatto apposta per screditare Verona”. Per il consigliere veronese “negli stadi non c’è un problema razzismo, a Verona o in nel resto del Paese. L’Italia storicamente non è mai stata razzista. Non c’è mai stato un reale sentimento di odio o di razzismo. Inquadrare l’ulutato fatto allo stadio in cui, se c’è stato, in questo caso fatto da 10 persone, come razzismo sinceramente vuol dire volere vedere il razzismo ovunque”.

L’ululato, per il consigliere di Verona, “è una sorta di sfottò, di ingiuria, personalmente non lo vedo più offensivo di un figlio di… o di un testa di…. Sono epiteti ingiuriosi, allo stadio capita che esistano. Lo stadio zona franca? No. Se lanci una bottiglia in strada non succede nulla, allo stadio rischi il Daspo. All’interno degli impianti ci sono migliaia di telecamere, un controllo capillare. Non riesco a capire dove sia questa zona franca. C’è invece un pensiero dittatoriale del politicamente corretto, per cui se una tifoseria X, per esempio quella del Livorno, espone falce e martello o la faccia di Che Guevara, o scrive ‘Veronesi tutti appesi’, non succede nulla. Se 10 persone del Verona fanno un ululato, Verona viene dipinta come città razzista e piena di odio”. Se ci fosse la possibilità, il consigliere di ‘Battiti per Verona’ incontrerebbe Balotelli? Non avrei problemi a incontrarlo, sinceramente non ci tengo particolarmente, non è tra i miei desideri più grandi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»