Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Milano il Pirellone s’illumina per gridare ‘Free Alvin’

Il giovane è trattenuto in un campo di prigionia in Siria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una scritta luminosa sulla facciata del Pirellone per sensibilizzare l’opinione pubblica sul caso del piccolo Alvin Berisha, giovane lombardo trattenuto da tempo in un campo di prigionia in Siria dopo l’arruolamento della madre nelle fila dell’Isis. La proposta, avanzata dal capogruppo regionale di Forza Italia Gianluca Comazzi, ha già ottenuto il via libera del governatore Attilio Fontana. A partire da ieri e fino a questa sera sulla facciata di Palazzo Pirelli verrà quindi formata la scritta ‘Free Alvin’. L’iniziativa prende spunto dalla mozione urgente sul caso del piccolo Alvin, presentata dalla consigliera azzurra Paola Romeo lo scorso 22 ottobre e votata all’unanimità dall’aula. Il documento impegnava la giunta lombarda a sollecitare l’esecutivo ad avviare contatti diplomatici con il Governo albanese per ottenere il rilascio del giovane Berisha.

“Ringrazio il presidente Fontana, il presidente del Consiglio Fermi e il capogruppo Comazzi per aver posto in essere un’azione significativa volta a sensibilizzare sia il Governo albanese che quello italiano rispetto alla liberazione dal campo di Al-Hol in Siria”, sottolinea Paola Romeo. Certo, a detta della consigliera Fi, “il tempo è sempre meno ma auspico che al più presto possano essere messe in atto tutte le azioni utili per addivenire a una positiva conclusione di questa triste vicenda”. Infine una promessa: “Seguirò fino in fondo la storia di Alvin- dice Romeo- e ringrazio ‘le Iene’ per il prezioso supporto che ci hanno dato fin dall’inizio. La mia e nostra speranza è che ‘Free Alvin’ divenga al più presto realtà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»