Le attrici difendono Tornatore: “Un galantuomo, impensabile che abbia molestato qualcuno”

Margherita Buy, Monica Bellucci, Laura Chiatti e Claudia Gerini non credono alla Trevisan: Non vorrei esplodesse moda di denunciare dei professionisti seri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non l’ho assolutamente toccata”, e vai con la querela. E’ questa la difesa di Giuseppe Tornatore dopo le accuse dell’attrice Miriana Trevisan sul coinvolgimento del regista premio oscar in un presunto caso di molestie.

La testimonianza di Miriana Trevisan è dura e grave ma tutta da dimostrare: “Mi appoggiò al muro e cominciò a baciarmi collo e orecchie, le mani sul seno, in modo abbastanza aggressivo. Riuscii a sfilarmi e scappai via”, ha detto l’attrice.

Un’accusa che non ha lasciato indifferenti le tante attrici che hanno lavorato con il regista, intervenute immediatamente per difenderlo, come racconta l’edizione del Messaggero oggi in edicola.

“Giuseppe un molestatore? Ma se è uno dei più grandi gentiluomini con cui abbia mai lavorato! E’ impensabile abbia assalito qualcuna”, dice Margherita Buy, protagonista de ‘La Sconosciuta’ nel 2006, mentre Monica Bellucci, protagonista di Malèna, annuncia che farà un endorsement pubblico per il regista nella giornata di dopodomani, quando riceverà il premio Virna Lisi.

“Non vorrei che esplodesse la moda di denunciare dei professionisti seri solo per giustificare il fallimento della propria carriera”, attacca Laura Chiatti. Claudia Gerini, invece, racconta: “Ho solo ricordi piacevolissimi dell’esperienza con Tornatore, che si è comportato come un gentiluomo di altri tempi. Non riesco proprio a immaginarmelo mentre tenta di estorcere un bacio con la forza…”

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»