Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scontri al corteo del no, Nardella: “Sfasciare città è inaccettabile”

dario nardella
Dal palco della Leopolda il sindaco Nardella condanna le violenze: "Alcuni agenti sono stati feriti, ci sono stati gesti di violenza, di minacce"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

scontri_leopoldaFIRENZE – “Ho dovuto seguire la situazione della manifestazione di anarchici e manifestanti partita dalla zona di piazza San Marco, le ultime notizie che mi giungono ci sono stati più volte tentativi di forzare i blocchi delle Forze dell’ordine per consentire che la manifestazione si svolgesse nei luoghi autorizzati, alcuni agenti sono stati feriti, ci sono stati gesti di violenza, di minacce“. Lo dice il sindaco di Firenze, Dario Nardella commentando gli scontri fra antagonisti per il ‘no’ e forze dell’ordine in centro. “Manifestare il dissenso è un diritto, sfasciare una città è ignobile è inaccettabile, e da questo luogo di bellezza, di divertimento dico, va bene il confronto, va bene il dissenso, ma mai attaccare le città, mai minacciare le persone. Non è accettabile nella mia città e non può essere accettato in un Paese democratico”.

di Carlandrea Poli, giornalista

LEGGI ANCHE:

Leopolda, scontri al corteo del ‘no’. Polizia usa lacrimogeni/FOTO e VIDEO

Leopolda, pronto a marciare il corteo del ‘no’: “Renzi stiamo arrivando”/FOTO e VIDEO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»