hamburger menu

Gli ambasciatori degli Stati europei approvano l’ottavo pacchetto di sanzioni

Nella proposta anche un divieto per le società controllate dal Cremlino di nominare negli organi di amministrazione cittadini europei

Pubblicato:05-10-2022 15:14
Ultimo aggiornamento:05-10-2022 15:16
Canale: Europa
Autore:
vladimir_putin
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

di Alessio Pisanò

ROMA – Gli ambasciatori degli Stati Ue riuniti nel comitato europeo dei rappresentanti permanenti hanno adottato l’ottavo pacchetto di sanzioni presentato dalla Commissione europea per condannare l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Lo ha comunicato la presidenza di turno ceca del Consiglio dell’Unione europea.

LE MISURE

Le misure che Bruxelles ha presentato prevedono di aggiungere alle 1.300 entità già sanzionate dall’inizio della guerra, le persone e le autorità che hanno organizzato i referendum per l’annessione dei territori alla Russia e gli ufficiali di alto livello del ministero della Difesa russo. Previsti anche un’estensione dei prodotti russi che non sono ammessi nell’Ue e un divieto di esportazione verso la Russia di oggetti per l’aviazione, di prodotti elettronici e di strumenti chiave per l’esercito russo e un tetto al prezzo del petrolio venduto dalla Russia ai Paesi terzi. Nella proposta anche un divieto per le società controllate dal Cremlino di nominare negli organi di amministrazione cittadini europei. L’approvazione formale è ora lasciata ai ministri dell’Ue.

LEGGI ANCHE: L’Ue presenta nuove sanzioni dopo il referendum in Ucraina

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-10-05T15:16:19+01:00

Ti potrebbe interessare: