Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Comunali, a Melfi trionfa Maglione: il candidato di centrodestra sostenuto anche da Italia Viva

melfi -min
"Il più grande Comune lucano al voto rappresenta un segnale politico molto chiaro", dichiara il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Complimenti a Giuseppe Maglione per il suo trionfo a Melfi: il centrodestra unito vince e dimostra quanta voglia di cambiamento ci sia in Basilicata”. Così il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, commentando la vittoria di Giuseppe Maglione a sindaco di Melfi (Potenza). Maglione, la cui candidatura è stata sostenuta anche da Italia Viva, ha ottenuto il 59,01% di preferenze, contro il 25,79% del candidato di centrosinistra, Luigi Simonetti.

Il più grande Comune lucano al voto rappresenta un segnale politico molto chiaro – continua Bardi – che rafforza la ferma intenzione del nostro popolo di non tornare indietro. Ed è un segnale che arriva anche alla nostra coalizione: con uomini e donne credibili e una proposta politica concreta e aperta, in Basilicata si vince. Sta a noi adesso essere all’altezza della sfida, come ho detto qualche giorno fa in Consiglio regionale”.

Bardi ha detto di aspettare adesso il neo sindaco in Regione “per programmare insieme le priorità per la comunità melfitana. Insieme potremo fare grandi cose per un’area strategica della nostra terra”, ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»