Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sport e salute mentale, sabato a Roma partono le selezioni per ‘Crazy for football’

Nazionale crazy for football
Al via sabato a Roma le selezioni dei nuovi giocatori della Nazionale di calcio a 5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Lo sport aiuta a prendersi cura della fragilità. E con ‘Crazy for football’ il calcio si mette al fianco della salute mentale. Sabato a Roma ripartono le selezioni ufficiali dei nuovi giocatori della Nazionale italiana di calcio a 5 che ha conquistato tutti con la sua storia e vinto il Mondiale nel 2018. La giornata comincerà alle 9 al circolo sportivo ‘Il Faro’ in via Arcangelo Ilvento.
“Organizzeremo una seduta di allenamento con varie mini-partite- ha detto il ct Enrico Zanchini- condotta dallo staff tecnico e supervisionata da quello medico. Al termine delle selezioni tutti riceveranno un attestato ufficiale di partecipazione, mentre i ragazzi eventualmente selezionati avranno successivamente una comunicazione ufficiale. Tutti i partecipanti dovranno recarsi al campo in tenuta sportiva, con la possibilità di utilizzare gli spogliatoi nei limiti del distanziamento e di tutte le norme anti-Covid”.

I PAZIENTI PSICHIATRICI NELLO SPORT AD ALTO LIVELLO

Nella passata edizione “abbiamo selezionato 7 giocatori su circa 200 visionati in tutta Italia- ha aggiunto il commissario tecnico- inserendoli nella rosa del Mondiale vinto a Roma nel 2018. È stata un’esperienza umanamente meravigliosa, ma anche da un punto di vista strettamente tecnico e agonistico chi ha potuto vedere le partite si è reso conto che si tratta di giocatori veri, che potrebbero partecipare a campionati regionali, anche nazionali, sia di calcio a 5 che di calcio a 11. I pazienti psichiatrici non solo hanno diritto a fare sport- ha concluso Zanchini- ma lo possono fare ad altissimi livelli”.I successi sportivi e scientifici della Nazionale ‘Crazy for football’ sono diventati anche un film per la tv, in programmazione a novembre in prima serata su Rai1.

CANDIDATURE ENTRO IL 7 OTTOBRE

L’appello è quindi a tutti i servizi, enti o associazioni che si occupano di salute mentale di preselezionare i ragazzi per i provini e invitarli a partecipare, sia accompagnati che in autonomia, quando possibile. Inoltre, bisogna inviare via mail ([email protected]), entro il 7 ottobre, i nominativi dei ragazzi interessati e che parteciperanno, in modo da poter meglio gestire e programmare la giornata ed evitare assembramenti.
Ma un invito è rivolto anche a tutti gli operatori e le operatrici della salute mentale che intendano approfondire i progetti del movimento ‘Crazy for football’ per la promozione dello sport come strumento terapeutico per la salute mentale. “Stiamo sviluppando una serie di iniziative in ambito europeo che hanno prodotto le prime linee guida su sport e salute e mentale, le Linee guida Sphere- ha detto lo psichiatra Santo Rullo, ideatore del progetto e medico della Nazionale ‘Crazy For football’- pubblicate recentemente sulla rivista monografica del Kpi Psichiatric Journal, e che rappresentano un primo passo per la effettiva introduzione dello sport nei percorsi di riabilitazione psichiatrica nonché per il riconoscimento del ruolo dei tecnici sportivi nelle equipe multidisciplinari per il trattamento psichiatrico”.
Per consultare tutto il materiale si possono visitare i siti web www.crazyforfootball.org e www.ecos-europe.com/sphere.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»