Coronavirus, 2.257 nuovi contagi su 60.241 tamponi. Palazzo Chigi: “No a chiusura dei locali e coprifuoco”

Ieri i nuovi contagi nelle 24 ore erano stati 2.578, rilevati sulla base di 92.714 tamponi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non c’è nessuna intenzione da parte del governo di chiudere ristoranti, bar e locali come si legge su alcune testate, né di anticiparne l’orario di chiusura introducendo di fatto un coprifuoco”, fanno sapere fonti di palazzo Chigi. L’aumento dei casi di Covid-19 registrato negli ultimi giorni, non inciderà neanche sulle scuole, fa sapere la sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa, a inBlu Radio. “Le scuole resteranno aperte, nessuna di noi ha la minima intenzione di chiuderle ne ho mai sentito discutere un’ipotesi diversa dall’aperture delle scuole. Tutto deve essere fatto nella massima sicurezza. La gran parte dei contagi avviene fuori dalla scuola, per questo l’ipotesi della mascherina all’aperto diventa importante”, dice Zampa.

Intanto nelle ultime 24 ore si registrano un numero inferiore di nuovi contagi, a fronte però di un numero di tamponi minore rispetto a ieri: 2.257 quelli rilevati sulla base di 60.241 tamponi effettuati. Sono 16 le vittime. Il totale dei decessi dall’inizio dell’emergenza e’ di 36.002. Sempre nelle ultime 24 ore i pazienti guariti/dimessi sono stati 767. Sono invece 323 i pazienti ricoverati in terapia intensiva. Ieri i nuovi contagi nelle 24 ore erano stati 2.578, rilevati sulla base di 92.714 tamponi, mente le vittime erano state 18.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»