Juve-Napoli: la partita che non c’è stata e di cui tutti parlano

Oggi, come il lunedì vuole, il pallone riempie le prime - come le seconde e, a seguire, diverse altre - pagine dei giornali. Sarà assegnato il 3-0 a tavolino ai bianconeri? Chissà
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Pensiamo alla scuola e non al calcio” le parole del ministro della Salute Roberto Speranza a chi ieri gli chiedeva di pronunciarsi sul caso/caos Juve-Napoli. Ma oggi, come il lunedì vuole, il pallone riempie le prime – come le seconde e, a seguire, diverse altre – pagine dei giornali. Sarà assegnato il 3-0 a tavolino ai bianconeri? Chissà. Vincerà su tutto la disposizione delle Asl Napoli 1 e Napoli 2 per cui non sussistevano le condizioni per consentire “lo spostamento in piena sicurezza dei contatti stretti”, ritenendo per contatti stretti tutta la rosa di giocatori che si è allenata insieme a Zielinski e Elmas, due dei positivi del Napoli? Chissà. Di certo nel pomeriggio il ministro per lo Sport Vincenzo Spadafora incontrerà separatamente Paolo Dal Pino, presidente della lega Serie A, e Gabriele Gravina, presidente della Figc.

Per la partita che “non c’è stata”, intanto, ieri a Napoli sono spuntati striscioni che denunciano l’inequivocabile mal contento dei tifosi azzurri per un eventuale risultato assegnato a tavolino. Si va da “il peggior virus si chiama Juventus… 20:45 amuchina su Torino” affisso all’esterno della Curva B dello stadio San Paolo, a “Figc serva del padrone” esposto sulla Galleria Vittoria. Ed in Rete è un pullulare si commenti di tifosi e addetti ai lavori. Uno su tutti quello del giornalista Paolo Condò che, a proposito della vicenda, ha detto “se l’ultima parola spetta alle Asl, occorre discutere un nuovo protocollo senza dimenticare che il campionato di calcio è una competizione nazionale, quindi deve essere soggetta a organi Nazionali”.

Juve-Napoli, da sfida sempre caratterizzata da un agonismo fra tifoserie prima che in campo, è quindi oggi una fattispecie utile a fare ordine in un campionato in bilico fra ciò che si può, ciò che si deve e ciò che conta in senso munifico. Ed è anche l’ultima frontiera dell’immaginazione con uno stadio senza tifosi né squadre dove si sente l’eco del triplice fischio finale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»