Ferrara dona frutta in cambio di mozziconi, sabato la staffetta

Si chiama 'Per un pugno di mozziconi' l'iniziativa lanciata dall'amministrazione comunale di Ferrara, dalla Provincia e da 10 Comuni ferraresi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FERRARA – Circa 200 chili di frutta biologica per 50 famiglie bisognose, per donare i quali “basta raccogliere mozziconi di sigaretta”. Consiste in questo l’iniziativa ‘Per un pugno di mozziconi‘, lanciata dall’amministrazione comunale di Ferrara, dalla Provincia e da 10 Comuni ferraresi (Codigoro, Copparo, Goro, Lagosanto, Ostellato, Portomaggiore, Jolanda di Savoia, Argenta, Cento e Fiscaglia). La frutta, si legge in una nota, sarà donata all’emporio solidale ‘Il Mantello’ di Ferrara e Pomposa.

L’appuntamento è per le 8.30 di sabato 10 ottobre, con partenza da piazza del Municipio. E’ necessaria l’iscrizione, dalla pagina della Provincia di Ferrara, per le disposizioni anti-Covid, ma “anche chi non parteciperà in qualunque momento potrà conferire i mozziconi raccolti al termine della manifestazione, che si concluderà alle 12 sempre in piazza del Municipio. L’iniziativa gode del sostegno delle istituzioni, di tante associazioni, Avis, Ail, Plastic Free, le guardie Gev, Lida, la Protezione civile di Lagosanto, Upe e delle multiservizi Clara, Hera e Soelia. Una staffetta radiofonica, in diretta su RadioSound, seguirà la raccolta nei vari Comuni, mentre gli agricoltori che hanno messo a disposizione la frutta sono Domenico Errani de ‘La valle delle albicocche’ di Imola, l’azienda agricola di Marco Martelli, che fornirà anche composte, succhi e passate, e quella di Samuele Zanotti. Proprio Errani spiega che “tutto è nato da uno scambio di idee con alcuni familiari fumatori“, mentre per l’assessore all’Ambiente del Comune di Ferrara, Alessandro Balboni, questo è “un progetto che aiuta ad affrontare insieme un tema sottovalutato, che riguarda materiali altamente inquinanti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»