Turismo, Bari è la prima città al mondo ad avere una copia in realtà aumentata

È il risultato del lavoro condotto dalla startup barese Augmented.city che in tre mesi ha mappato e costruito una infrastruttura in cui trovano spazio piu' di 4.500 tra monumenti e attività
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI  – Bari e’ la prima citta’ al mondo ad avere una sua copia in realta’ aumentata, formata da nuvole di punti in 3D, disponibile su una app per iOS e Android: si chiama “AC Tourist” ed e’ il risultato del lavoro condotto dalla startup barese Augmented.city che in tre mesi ha mappato e costruito una infrastruttura in cui trovano spazio piu’ di 4.500 tra monumenti, edifici, attivita’ commerciali e servizi, con relative informazioni e immagini degli interni. “La tecnologia usata per mappare Bari – spiega la ceo della startup Katherina Ufnarovskaia – e’ tra le piu’ dinamiche e semplici esistenti, motivo per cui sta riscuotendo l’interesse di altre citta’ italiane e mondiali, impegnate nello sviluppo di servizi previsti dalle smart city”. E aggiunge: “La piattaforma consente di ricevere, registrare, scambiare e segnalare la posizione geospaziale precisa al centimetro e l’orientamento di qualsiasi oggetto, in modo da capire immediatamente dove ci si trova e cosa si ha di fronte; la mappa virtuale e’, infatti, perfettamente sovrapponibile alla citta’ reale“.

L’infrastruttura in realta’ aumentata e’ costantemente ampliata sia dal team di Augmented.city sia dagli utenti che possono aggiungere o aggiornare i monumenti e gli edifici gio’ mappati. Con l’app “AC Tourist” basta puntare la fotocamera di uno smartphone su un edificio per visualizzare informazioni come dati storici fino alle recensioni di TripAdvisor inerenti le attivita’ ristorative o ricettive inquadrate dal dispositivo. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»