Crisi post-Covid, Fdi: “Servono sportelli anti-suicidi”

Fratelli d'Italia chiede alla Regione Emilia-Romagna di istituire uno sportello antisuicidio in ogni capoluogo per facilitare l'accesso alle norme della legge anti-suicidi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – “Sportelli antisuicidi” in ogni capoluogo dell’Emilia-Romagna “in modo da aiutare chi si trovi in difficoltà economiche a causa della crisi da Coronavirus”. A chiederlo, in un’interrogazione in Regione, sono i consiglieri di Fratelli d’Italia Marco Lisei, Giancarlo Tagliaferri e Michele Barcaiuolo. “Oggi- affermano i consiglieri Fdi- sono molte le famiglie che si trovano purtroppo a fronteggiare drammatiche situazioni di sovraindebitamento a causa del superamento del limite di reddito disponibile, che si aggrava quando si aggiungono situazioni impreviste come la perdita del lavoro, fattore che non consente più di gestire il budget familiare e costringe a ricorrere ai finanziamenti per liquidità con tutti i rischi connessi compreso quello di perdere i propri beni e la propria casa all’asta”.

A sostegno di chi finisce oberato di debiti, sottolineano i tre, c’è “la legge 3/2012, conosciuta anche come legge ‘salva suicidi’, che permette di tagliare fino all’80% i debiti delle persone che si trovano in gravi difficoltà economiche, ovvero in uno stato definito ‘sovraindebitamento’ con una riduzione delle somme dovute per i contribuenti in grave e comprovata difficoltà economica”. Attivare i benefici previsti da tale normativa costringe però a ricorrere a studi legali.

Quello che Fdi chiede alla Regione è allora di attivare modalità per venire incontro a chi si trova in difficoltà “senza che debba rivolgersi a onerosi professionisti”.

Ecco dunque l’atto ispettivo di Fdi in Regione per sapere dall’esecutivo regionale “se non ritenga utile aprire o favorire l’apertura presso enti istituzionali nei capoluoghi di provincia dell’Emilia-Romagna, di sportelli che forniscano supporto e informazione sull’applicazione della legge 3/2012, ossia per dare consulenza agli utenti interessati in merito alla possibilità di usufruire dei benefici di legge e vagliare se ne posseggano i requisiti, avvalendosi per l’espletamento del servizio di personale qualificato a seguito di specifica formazione, già presente all’interno delle istituzioni coinvolte”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»