Trieste, Chef Rubio e la polemica social: “Poliziotti impreparati, Salvini & Co. responsabili di queste morti”

Botta e risposta sui social tra Chef Rubio e l'ex ministro dell'interno Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente. Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedon nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io non mi sento sicuro in mano vostra”: con questo tweet Chef Rubio infiamma la polemica sui social dopo la morte dei due poliziotti per la sparatoria nella questura di Trieste.

Chef Rubio parla di “omicidio di stato” e punta il dito “non contro la Polizia” ma contro i politici, “nullafacenti che li mettete e ci mettete in pericolo”: “i colpevoli sono sopra, non sotto”

Tortellino gate, Chef Rubio a Salvini: “Cucciolo, torna a baciare il crocifisso”

A stretto giro, la replica social di Salvini: “Anche in un momento di lutto come questo, chef Rubio non perde occasione. Evidentemente i fumi di quello che cucina gli danneggiano le attivita’ cerebrali . E’ da ieri che insulta”, dice Matteo Salvini replicando a Rubio secondo il quale “Matteo Salvini & Co” sono “responsabili di queste morti”.

Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente. Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedon nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io non mi sento sicuro in mano vostra https://t.co/9qHAIa63BL

— Chef Rubio (@rubio_chef) October 4, 2019

Ditemi se è normale che due fermati senza manette possano fare sto macello? E se nel conflitto a fuoco fosse morto un civile? Vostro figlio? Un vostro caro? Voi? Quando scrivo tragedia è ovvio che dispiace, piccoli analfabeti funzionali. Sentite l’audio ??https://t.co/FuB2tVvb1Y pic.twitter.com/0Alt4pIO7q

— Chef Rubio (@rubio_chef) October 5, 2019

Per servire il Paese?? (i cittadini, no i coglioni che vi mandano a morire), bisogna essere dei virtuosi, viverla come missione e non come lavoro, essere impeccabili, colti, preparati fisicamente e mentalmente così da gestire qualsiasi imprevisto. I colpevoli sono sopra non sotto

— Chef Rubio (@rubio_chef) October 5, 2019

#Libero e #IlGiornale che me odiano e potessero farmi scomparire dalla faccia della terra lo farebbero, dicono la stessa cosa: OMICIDIO DI STATO??. Chi è lo stronzo? Ah no loro so fasci e lo possono dire. Certo che siete strani forte eh. pic.twitter.com/guz61laxl6

— Chef Rubio (@rubio_chef) October 5, 2019

Invece di dire “Sono una merda compaio a fare il pianto greco solo quando muoiono ma quando sono in vita li faccio lavorare nella totale insicurezza a rischio della loro vita e di quella dei cittadini” scrive ste trovate. @matteosalvinimi & Co responsabili di queste morti #bitch pic.twitter.com/NTRfwwfu62

— Chef Rubio (@rubio_chef) October 5, 2019

E puntuale l’ominicchio messo difronte alle sue responsabilità, al suo essere una nullità in campo politico e sui social ( almeno io le mie cose me le scrivo da solo ) e al suo fare tutto tranne che ciò per cui è pagato ( anche da me ), fa il bulletto senza però scalfirmi #bitch pic.twitter.com/IhLbTQ4oTn

— Chef Rubio (@rubio_chef) October 5, 2019

Non ho insultato la @poliziadistato ma voi nullafacenti che li mettete e ci mettete in pericolo. Miserabile cmq @GiorgiaMeloni non si dice a chi esprime un parere che tu e i tuoi sostenitori, evidentemente analfabeti funzionali, non comprendete. Fai la brava e lavora? pic.twitter.com/Wb7RL9biUN

— Chef Rubio (@rubio_chef) October 5, 2019

E comunque chiudendo una per tutte il discorso, che me so rotto il cazzo de voi sciacalli: sono molto più vicino io alle loro famiglie incazzandomi che voi ipocriti, ridicoli pupazzi che fingete cordoglio solo per avere voti e aumenti di stipendio e li avete condannati a morte??

— Chef Rubio (@rubio_chef) October 5, 2019

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»