Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Si dimette l’assessore al commercio di Venezia

La leghista Francesca Guzzon non aveva fatto mistero dei dissapori con il sindaco Luigi Brugnaro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

guzzonVENEZIA – Si dimette l’assessore comunale al Commercio di Venezia, la leghista Francesca Guzzon, che negli ultimi giorni non aveva fatto mistero dei dissapori con il sindaco Luigi Brugnaro.

Anche se i motivi ufficiali sono “personali”, alla base della decisione di Guzzon sembrerebbe esserci la scarsa autonomia sul campo concessa da Brugnaro, che ha fama di accentratore, a cui si sarebbero aggiunte le promesse fatte alla Lega Nord in campagna elettorale e poi disattese.

Guzzon, tra l’altro, è il secondo assessore al Commercio della Giunta Brugnaro a rassegnare le dimissioni. Qualche mese fa era stata un’altra leghista, Rossana Pavan, a lasciare. Anche allora, il motivo addotto era personale, ma già all’epoca qualche voce parlava di un abbandono dovuto alla mancanza dell’autonomia necessaria svolgere il ruolo.

Alcune decisioni sono state prese senza consultare tutti i membri della Giunta, scrive Guzzon nella lettera di dimissioni inviata a Brugnaro, lamentando l’impossibilità di fare gioco di squadra.

LEGGI ANCHE

Cgil stronca Brugnaro: “Un primo anno disastroso”

Venezia, Brugnaro rompe con i sindacati sul contratto

Brugnaro: Da grandi navi lavoro per 5.000 persone, la gente le vuole

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»