Salute, Lorenzin: “Fondamentale un regime nutrizionale appropriato soprattutto per i più piccoli”

"È indubbio che l'adozione di un regime nutrizionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lorenzin-fa-vaccinare-i-gemelli

“È indubbio che l’adozione di un regime nutrizionale appropriato, come pure di un corretto stile di vita, rappresenti un obiettivo fondamentale da raggiungere per il benessere e la salute del bambino di oggi, ma anche e soprattutto un utile investimento per l’adulto di domani. Sappiamo tutti che è proprio durante l’infanzia che si acquisiscono e si radicano abitudini che andranno poi a costruire, o ad allontare, i principali fattori di rischio delle malattie nell’età adulta”. Ad affermarlo il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, nel messaggio per Convegno UNICEF Expo su malnutrizione e nuutrizione ‘O to 10 Feeding’, organizzato al Padiglione Italia di EXPO Milano 2015.

“Certo- prosegue il ministro nel messaggio- la frenesia della vita moderna incoraggia ‘cattive’ abitudini alimentari: ciò giustifica la necessità di intraprendere interventi urgenti ed incisivi per contrastare questa tendenza. Questa ‘battaglia’, però, non può essere responsabilità solo del sistema sanitario, ma deve diventare obiettivo prioritario per tutti i settori del Paese, sia istituzionali che della società civile. Sono convinta che l’evento da voi organizzato possa dare una concreta spinta in tal senso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»