Rifiuti, dal Cdm arriva lo stop alla Basilicata: “I non trattati non vanno in discarica”

Rifiuti, dal consiglio dei ministri lo stop alla Basilicata:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

discaricaRifiuti, dal consiglio dei ministri lo stop alla Basilicata: quelli non trattati non possono essere conferiti in discarica. Il consiglio dei ministri, nella riunione di questa mattina a palazzo Chigi, ha impugnato la legge regionale Basilicata n. 35 del 13/08/2015 relativa a “disposizioni urgenti inerenti misure di salvaguardia ambientale in materia di gestione del ciclo dei rifiuti”.

La legge consente il conferimento in discarica dei rifiuti solidi urbani non trattati, “in violazione della norma statale che, in attuazione di disposizioni comunitarie, vieta il conferimento in discarica dei rifiuti non trattati”. Essa, spiega Palazzo Chigi in una nota, “contrasta pertanto con l’articolo 117, primo comma, e secondo comma, lett. s), della Costituzione, non rispettando i vincoli comunitari, invadendo altresì la competenza statale in materia di tutela dell’ambiente.

Poiché la norma riproduce nella sostanza il contenuto di analoga disposizione regionale già dichiarata illegittima si determina la violazione sia dell’art. 136 Cost. e del principio del rispetto del giudicato costituzionale in esso sancito”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»