Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Colpo di stato in Guinea, militari arrestano il presidente e annunciano nascita nuovo governo

guinea colpo di stato
Il presidente Condé tratto in arresto, scontri nella capitale Conakry. Il colonnello Doumbouya annuncia la sospensione della Costituzione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente della Guinea, Alpha Condé, è stato tratto in arresto oggi da reparti speciali dell’esercito: lo hanno riferito fonti concordanti nella capitale Conakry, rilanciate anche a livello internazionale, in una situazione che resta però tuttora confusa e incerta. La figura chiave di quello che appare come un tentativo di golpe contro il capo dello Stato, 83 anni, rieletto nel 2020 nonostante denunce di brogli e di incostituzionalità, sarebbe il colonnello Mamady Doumbouya.

Di un suo discorso, pronunciato alla radiotelevisione nazionale, la Rtg, ha riferito il portale di informazione Guineenews. La bandiera nazionale alla spalle, tuta mimetica e berretto rosso, il colonnello Doumbouya ha annunciato lo scioglimento del governo, la sospensione della Costituzione e la creazione di una giunta, presentata con l’acronimo Cnrd, Comitato nazionale per la ripresa e lo sviluppo. L’ufficiale ha promesso il rispetto della “sovranità popolare” e l’avvio di “un dialogo inclusivo” per redigere una nuova Carta fondamentale.

Il discorso è stato pronunciato dopo che per ore erano risuonati spari nell’area dei ministeri e delle sedi istituzionali, nella penisola di Kaloum. In giornata alcune fonti avevano citato fonti del ministero della Difesa, secondo le quali il tentativo di golpe era fallito. Non è chiaro se il reparto guidato dal colonnello Doumbouya sia sostenuto o meno da altre unità dell’esercito e se esista il rischio di scontri a fuoco e di un conflitto piu’ esteso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»