Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cinema, a Venezia 78 ‘la tigre della Malesia’: Can Yaman arriva alla mostra

can Yaman venezia 78
Ad attendere l'attore turco una folla di fan venuti appositamente per assistere al suo arrivo e, con un po' di fortuna, scattare un selfie insieme a lui
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – È l’attore più amato dal grande pubblico degli ultimi tempi, è la star delle serie ‘Daydream-Le Ali del Sogno’ e ‘Bitter Sweet – Ingredienti d’amore’, uomo dell’anno del 2019 per GQ e ora si sta preparando al debutto del progetto televisivo ‘Sandokan’, in cui interpreta la ‘Tigre della Malesia’. Can Yaman è sbarcato al Lido con un look total black per ritirare il Filming Italy Best Movie Award, il riconoscimento diretto da Tiziana Rocca che ogni anno porta alla Mostra del Cinema tante amatissime star.

Ad attendere l’attore turco una folla di fan venuti appositamente per assistere al suo arrivo e, con un po’ di fortuna, scattare un selfie insieme a lui. Il premio conta sulla collaborazione e il supporto della Biennale di Venezia e del direttore artistico di Venezia 78 Alberto Barbera, e gode del patrocinio della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del MIC, di ANEC, di ANICA, del Centro Sperimentale di Cinematografia, di Istituto Luce Cinecittà e di AIL Venezia. 

LEGGI ANCHE: A Venezia 78 ‘Ariaferma’, Servillo e Orlando per la prima volta insieme

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»