Forza Nuova (in incognito) conquista la piazza dei negazionisti del Covid

Applausi scroscianti per il leader sul palco, Giuliano Castellino, presentato come "padre di tre figli"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Non ci stanno a farsi chiamare negazionisti. Preferiscono ‘risveglisti’ o ‘eretici’. Tifano Trump e Putin. Fischiano Mattarella. E applaudono convinti Giuliano Castellino, leader di Forza Nuova. Ma forse in tanti nemmeno sanno chi è visto che viene introdotto sul palco come “Giuliano, papà di tre figli” e lui Forza Nuova neanche la nomina: “Non ve lo faccio questo regalo giornalaiiiii”, grida. Eccola la piazza che attacca il governo di “assassini” e “parassiti” che col lockdown “ha condannato a morte migliaia di persone”.

LEGGI ANCHE: L’influenza quest’anno sarà più grave. E può coesistere con il Coronavirus

Fa caldo, in piazza Bocca della verità ci sono circa 2 mila persone. “La mia gente si è innamorata di questa piazza- dice ancora il leader (un po’ in incognito) di Forza Nuova- perché è una piazza apolitica, apartitica, plurale, situazionista“. Ancora applausi.

Ci sono associazioni che si richiamano alla famiglia: Madri in rivolta, Popolo delle mamme. Non manca il folklore giudiziario di quelli che chiedono l’arresto di Mattarella, Lorenzin, Boldrini.

La mascherina non la indossa nessuno. “Io non la porto- spiega una signora- perché non è obbligatoria, dobbiamo rispettare le leggi, non i decreti“. La piazza giura di voler difendere i bambini. Ma da cosa precisamente? “Dal nuovo ordine mondiale”, dice Castellino puntando il dito contro “Bill Gates, Soros, Obama e Clinton. Solo Trump e Putin sono amici dei popoli”. Ma c’è altro: “Se la prendono con i bambini, vogliono reprimerli, rapirli– urla un uomo dal palco- perché vogliono diminuire la popolazione mondiale”. In tutti gli interventi aleggia sempre una terza persona plurale non identificabile. Tra i manifestanti una ragazza ragiona: “In America hanno ucciso un sostenitore di Trump e tutti zitti, hanno ucciso due neri ed è scoppiato un casino. Ti pare normale?”. Spuntano tante croci e rosari. Ironia sulle misure di prevenzione: “Tamponatevi il culo”, si legge su uno striscione. “Bill Gates il tampone infilatelo su per il culo”, sta scritto su una maglietta.

Dal palco è un lungo elenco di complottismi: vaccini, 5G, tamponi. “Il campo magnetico terrestre sta cambiando. Avverrà tra 2 o 3 anni e vogliono nascondercelo. Come? Con il 5g e con i vaccini, che sono anche microchip che ci rimbambiscono”, dice una donna. “Nei vaccini c’è acqua di fogna”, aggiunge un uomo.

Si sentono parte di un movimento di “risveglio” mondiale, guardato e collegato con altri Paesi. Lo dimostra bene l’uomo con l’accento italo-americano che arriva “direttamente dall’America”. Eccolo: “Tramite George Guido Lombardi, membro dello staff di Trump, vi porto il saluto di Trump. L’America ci guarda, la globalizzazione è finita”. Applausi forti, entusiastici. Lui allora fa una pausa, perfetta, e sorride: “Ho avuto la conferma proprio ora su WhatsApp che ci sono oltre 500 associazioni che fanno la campagna elettorale di Trump che ci salutano. Ci guardanoooooo“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»