Coronavirus, Conte: “Sono fiducioso per l’autunno, non ci sarà un altro lockdown”

Il presidente del Consiglio, ospite del Fatto quotidiano, rivela: "Salvini? Non mi richiama..."
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Possiamo affrontare con fiducia l’autunno, non saremo più nelle condizioni di disporre un lockdown generalizzato, se le cose andranno male potremo intervenire con misure molto circorscitte sul piano territoriale“. Lo assicura il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ospite del Fatto Quotidiano.

“Il numero dei contagiati in questi ultimi giorni è cresciuto, è l’effetto dei contagi ‘agostani‘, un numero che resta comunque contenuto. Vogliamo incrementare il numero dei controlli, dobbiamo continuare con i tamponi e predisporci a interventi mirati”, aggiunge il presidente del Consiglio.

“Diamolo per scontato che ci sarà qualche caso positivo” nelle scuole, ragiona Conte, in quel caso “interverrà il dipartimento di prevenzione e se necessario arrivermo alla quarantena di tutta la classe, come caso estremo, limite“.

“SALVINI NON MI RICHIAMA”

“Con Forza Italia il dialogo e il confronto sono costanti e rispettosi dei ruoli istituzionali; con Giorgia Melon ci confrontiamo; con Salvini ho qualche difficoltà perché quando gli lascio dei messaggi non vengo richiamato”, ha poi rivelato Conte.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»