Mattarella: “Non compromettiamo le speranze dei giovani”

Il Capo dello Stato è intervenuto al 46esimo Forum Ambrosetti a Cernobbio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non compromettiamo con scelte errate la speranza per chi verrà dopo di noi di godere di condizioni per lo meno pari di quelle di cui noi abbiamo usufruito. In caso di inattività le nuove generazioni ci domanderanno perché una generazione” che ha goduto di prosperità “non ha realizzato infrastrutture necessarieper la crescita e riforme necessarie accrescendo solo la massa del debito. Oggi viviamo condizioni irripetibili”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo al Forum Ambrosetti.

“UE HA RITROVATO LO SPIRITO DEI PADRI FONDATORI”

“La crisi causata dalla pandemia e’ stato uno spartiacque per la Ue che in pochi mesi ha assunto decisioni coraggiose e innovative”, ha detto ancora Mattarella.
Per il capo dello Stato la Ue “ha mostrato sua forza propulsiva, ritrovando lo spirito dei padri fondatori”.

“RECOVERY FUND, L’APPROVAZIONE SIA RAPIDA”

“Il processo di approvazione dei meccanismi di governo del fondo per la ripresa devono procedere necessariamente con rapidità in modo da rendere disponibili le risorse necessarie già a inizio del 2021″, spiega il Capo dello Stato.

“Con la medesima sollecitudine- prosegue il capo dello Stato- deve intervenire la preparazione dei piani di rilancio nazionale che vanno sottoposti per l’approvazione agli organi comunitari”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»