Anticorruzione, tensione in maggioranza; Di Maio e Salvini: Non sfideremo Europa; Papa offre gelati ai migranti

Edizione del 5 settembre 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANTICORRUZIONE, TENSIONE IN MAGGIORANZA

Scontro in maggioranza sul disegno di legge anticorruzione. Domani il provvedimento entra per la seconda volta in consiglio dei ministri, dove dovrebbe essere approvato. Alcune misure non convincono la Lega. Matteo Salvini assicura che corrotti e corruttori nella pubblica amministrazione subiranno pene piu’ gravi. Ma invita a prestare attenzione ai processi sommari. Senza incertezze Luigi Di Maio: “Alla corruzione va dichiarata guerra con ogni strumento. Compreso il Daspo”, assicura.

CAUTELA SUI CONTI, DI MAIO E SALVINI: NON SFIDEREMO L’EUROPA

Una manovra coraggiosa, ma che manterrà i conti in ordine. Luigi Di Maio si mette sulla scia di Matteo Salvini e al termine del vertice economico a Palazzo Chigi prova a rassicurare i mercati, tenendo comunque il punto sulle riforme: Reddito di cittadinanza, quota 100 per andare in pensione e flat tax. “Nessuna contrapposizione con Tria”, garantisce il ministro del Lavoro. Il premier Giuseppe Conte parla di rilancio sul piano sociale e annuncia una manovra nel segno della crescita nella stabilità.

SCUOLE SICURE, TELECAMERE E AGENTI CONTRO LO SPACCIO

Due milioni e mezzo di euro per un progetto pilota in 15 città italiane contro lo spaccio di stupefacenti in prossimità delle scuole. Il ministro dell’interno Matteo Salvini, in conferenza stampa al Viminale insieme al capo della polizia Franco Gabrielli, presenta l’iniziativa ‘Scuole sicure’. Questa somma, ha spiegato il ministro, servirà a potenziare gli impianti di video-sorveglianza, a consentire l’assunzione temporanea di più vigili urbani e a organizzare campagne informative. A ottobre un primo bilancio.

DAL PAPA GELATI AI MIGRANTI OSPITI A ROCCA DI PAPA

La benedizione di Papa Francesco ai migranti ospitati a Rocca di Papa. A portarla il cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere di Sua Santità, che si è fermato a pranzo portando a tutti gli ospiti presenti dei gelati. “È la benedizione del Santo Padre per loro”, ha detto il cardinale al Sir spiegando il motivo della visita: “Soprattutto per quelli che partono. L’augurio è che trovino qui, in Italia, dappertutto, un cuore cristiano generoso e che si possano sentire finalmente a casa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»