Anna Ascani segretario Pd? Lei smentisce ma Il Foglio replica: “Sei stata tu a raccontarcelo”

Il Foglio pubblica l'indiscrezione, pronta la smentita di Matteo Renzi e della diretta interessata. Ma Salvatore Merlo rivela la fonte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un piccolo giallo agita le acque del Partito democratico. Il caso si apre con una nota mattutina dell’ufficio stampa di Matteo Renzi. “Cio’ che scrive oggi il quotidiano ‘Il Foglio’: ‘Una donna segretario, Renzi chiede ad Anna Ascani di candidarsi al congresso del Pd’, e’ totalmente privo di fondamento“, si legge.

Sul giornale diretto da Claudio Cerasa, Salvatore Merlo riferisce della richiesta di Renzi alla trentenne deputata del Pd Anna Ascani di correre per la segreteria. Determinata, esperta nonostante la giovane eta’, e con un’innegabile passione per la politica, Ascani sarebbe nell’ipotesi anche la donna che dovrebbe raccogliere il testimone di Maria Elena Boschi, fino ad oggi esponente di punta del renzismo ‘rosa’.

Ma cosi’ non e’, evidentemente. E nulla piu’ di una smentita di Renzi puo’ sgomberare eventuali, residui, dubbi. Ma Ascani non si accontenta. E vuole aggiungere la sua personale smentita a quella dell’ex segretario. Con un tweet abbozza anche una succinta lezione di giornalismo. “Non pensavo- scrive- che la deriva delle fakenews avesse contagiato anche Il Foglio. La notizia che da’ sul fatto che Matteo Renzi avrebbe chiesto la mia candidatura e’ completamente inventata. Stop. E adesso torniamo a occuparci delle cose serie”.

Parole perentorie. Che non passano sotto silenzio. Perche’ il giornalista autore dell’articolo tiene a precisare, via social, quale sia la fonte della notizia stessa. “Come ben sai sei proprio tu che hai raccontato al Foglio della tua candidatura”, risponde infatti Salvatore Merlo ad Ascani. Merlo aggiunge con una notazione politica: “Puo’ darsi sia gia’ finita, ma la tua carriera di aspirante segretario e’ cominciata veramente male”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»