Legge di Bilancio, vertice a Palazzo Chigi: “Crescita e stabilità, resteremo nei vincoli”

Conte, Salvini e Di Maio rassicurano i mercati e gli elettori: "Gioco di squadra, pronti alla trattativa con la Ue"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Vertice sulla manovra economica a Palazzo Chigi. Con il premier Giuseppe Conte sono riuniti i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, il ministro dell’Economia Giovanni Tria e i ministri degli Esteri Enzo Maovero Milanesi e delle Politiche Comunitarie Paolo Savona.

CONTE: MANOVRA NEL SEGNO DELLA CRESCITA NELLA STABILITA’

“Nell’incontro di questa mattina abbiamo continuato a lavorare alla manovra economica e ci aggiorneremo anche domani. Stiamo approfondendo tutti i dettagli per varare un piano finanziario che tenga i conti in ordine e che consenta al Paese di perseguire un pieno rilancio sul piano economico-sociale: la nostra sarà una manovra nel segno della crescita nella stabilità”. Cosi’ il presidente del consiglio Giuseppe Conte, in una nota.

“In particolare stiamo lavorando alle riforme strutturali a favore della competitività del sistema-paese che saranno parte qualificante del Piano nazionale Riforme e, quindi, parte integrante della manovra economica”, aggiunge.

L. BILANCIO. SALVINI: RESTEREMO NEI VINCOLI IMPOSTI

“Vogliamo rispettare gli impegni presi con gli italiani restando nei vincoli imposti dagli altri”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a Radio Anch’io a proposito dei vincoli della legge di bilancio.

“Se per mettere in sicurezza l’Italia dovessimo spendere un miliardo in più, lo spenderemmo. Cercheremo di fare tutto, rispettando quello che ci è chiesto da altri, sebbene non sia rispettato da altri paesi”, aggiunge Salvini.

“Il reddito di cittadinanza starà nella manovra economica”, assicura Salvini a “Radio anch’io”.

Salvini ha aggiunto che ieri c’e’ stato il vertice della Lega e in quella sede non se n’è parlato perchè si tratta di una battaglia “degli amici 5 Stelle. Non mi permetto di entrare in campo altrui. Ma starà nella manovra economica”.

L. BILANCIO. DI MAIO: TAGLI E POI TRATTATIVA CON UE SU DEFICIT

“Taglieremo tutto quello che non serve nei ministeri e nella spesa improduttiva. Poi tutto quello che ci serve in più dovrà essere oggetto di contrattazione con l’Ue. Inizia una fase in cui l’Italia a quei tavoli chiede di raggiungere degli obiettivi”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio a Radio Radicale.

Di Maio spiega che stanno “decidendo come spendere i soldi che abbiamo e quanto utilizzare di investimenti in deficit per soddisfare quello che abbiamo garantito nel nostro Contratto di governo”.

“Non parlerei di contrapposizione con Tria, stiamo facendo un gioco di squadra- aggiunge Di Maio- la prossima manovra manterrà i conti in ordine ma sarà coraggiosa: rassicurerà i mercati, ma anche le famiglie che hanno bisogno, i cui figli non trovano lavoro”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»