Brasile, Lula candidato presidente ma il Pt ha il piano B

Fonti di stampa ritengono possibile che proprio su Haddad possa orientarsi la scelta del Pt in un prossimo futuro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Avanti con Luiz Inàcio Lula da Silva, nonostante l’ex capo di Stato resti in carcere e la sua candidatura sia stata bloccata dalla Corte elettorale: e’ la scelta ribadita del Partido dos trabalhadores (Pt), pur in cerca di nuovi equilibri in vista delle presidenziali del 7 ottobre. “Il popolo e’ sovrano rispetto al suo candidato, e il candidato e’ Lula” ha detto ieri Fernando Haddad, per ora aspirante vice-presidente.

Fonti di stampa concordanti, pero’, ritengono possibile che proprio su Haddad possa orientarsi la scelta del Pt in un prossimo futuro. La tesi e’ che in questo modo sul candidato alla vice-presidenza, meno noto e carismatico rispetto alla Lula, possano alla fine convergere i voti di militanti ed elettori.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»