Migranti, Chef Rubio: “L’odio fa più rumore della tolleranza” VIDEO

"Come in tutte le cose, il negativo ha sempre un'eco maggiore del positivo, perché è più facile da comprendere, più facile da comunicare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Come in tutte le cose, il negativo ha sempre un’eco maggiore del positivo, perché è più facile da comprendere, più facile da comunicare”. Lo ha dichiarato Gabriele Rubini, in arte chef Rubio, durante un’intervista a Diregiovani per presentare la terza edizione del programma ‘Cucina in tutti i sensi’.


Per la massa è molto più facile odiare– ha aggiunto Rubio- sono sempre meno le persone con una cultura e una sensibilità che li renda in grado di condividere, trovare un punto in comune, una soluzione a problemi che non dipendono dagli italiani, tanto meno dai migranti, ma da politici incompetenti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»