Agricoltura, associazioni con il manifesto ‘Cibo per la mente’

piselli_verdure_biologico_agricoltura
Lo scopo è raggiungere gli obiettivi prefissati nei prossimi anni dall'UE nel settore agro-alimentare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Garantire l’approvvigionamento e la sicurezza alimentare, salvaguardare l’ambiente e creare posti di lavoro per sostenere la crescita.

Queste le sfide da vincere per raggiungere gli obiettivi prefissati nei prossimi anni dall’UE nel settore agro-alimentare secondo varie associazioni che oggi in conferenza alla Camera presentano il manifesto “Cibo per la mente: le sfide del sistema europeo. Come liberare il potenziale produttivo dell’agricoltura e dell’industria alimentare nell’Unione Europea”, un documento promosso da Assobiotech e Confagricoltura e sottoscritto dalle principali associazioni.

Il settore rappresenta oggi 30 milioni di posti di lavoro, il 13,4% dell’occupazione totale e il 3,5% del valore aggiunto totale nell’economia dei Paesi Ue. Promozione dell’innovazione, della sostenibilità e incentivo di un mercato comune senza barriere sono le basi per raggiungere lo scopo, suggeriscono le associazioni di settore.

“L’obiettivo fondamentale- commenta il ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, in un video trasmesso durante la conferenza- e’ fare in modo che nel giro di qualche anno l’Italia diventi uno dei Paesi guida in ambito europeo per lo sviluppo delle tecnologie legate all’agricoltura di precisione”, arrivando al 10% del territorio ‘coperto’ da queste tecnologie.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»