Nord Corea, Putin: “No a isteria militare, si rischia catastrofe planetaria”

"Inutili le sanzioni, dialogo unica arma possibile per risolvere la crisi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

putinROMA – “Inutili e inefficaci” le nuove dure sanzioni proposte dagli Stati Uniti contro Pyongyang. Ne è convinto il presidente russo Vladimir Putin, che stamani ha detto che farsi coinvolgere “dall’isteria militare” potrebbe provocare “una catastrofe planetaria, con un grande numero di vittime umane”.

Parlando da Xiamen, in Cina, dove è in corso un summit dei paesi Brics – Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica – Putin ha ribadito la linea già assunta ieri in una dichiarazione congiunta del gruppo: condanna piena dei test nucleari condotti dal regime nordcoreano, ma ricorso al dialogo come unica arma possibile per risolvere la crisi.

Ulteriori sanzioni economiche per Putin sono “inutili e inefficaci” in quanto i test militari condotti dal regime “non sono altro che provocazioni”. D’altronde, ha evidenziato il capo del Cremlino davanti ai colleghi dei paesi delle economie emergenti del mondo, la Corea del Nord “non rinuncerà al suo programma di armamento nucleare fintanto che non si sente sicuro. Bisogna cercare quindi di rilanciare il dialogo tra tutte le parti interessate“.

L’amministrazione Trump ha fatto intendere nei giorni scorsi che, accanto alle sanzioni economiche, è anche pronta a una risposta di tipo militare. Un’ipotesi che Putin boccia con forza: “Non ha senso, è una strada che conduce a un vicolo cieco“. Dello stesso parere anche il governo cinese. In Consiglio di Sicurezza dell’Onu voterà lunedì 11 settembre la proposta statunitense di nuove sanzioni, appoggiata da Francia, Regno Unito e Giappone. E’ molto probabile tuttavia che Russia e Cina faranno ricorso al diritto di veto per bloccare l’iniziativa del fronte occidentale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»