hamburger menu

Salvini: “Niente patente a 18 anni per i giovani coinvolti in episodi di violenze”

Il leader della Lega lancia una proposta contro l'emergenza baby gang: "Ritardare il conseguimento della patente a chi si comporta male"

matteo_salvini
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – La maggiore età è attesa con grande impazienza da tanti giovani. Dopo aver compiuto 18 anni, si acquisiscono diversi diritti (ma anche doveri), e uno dei più agognati è certamente la possibilità di prendere la patente di guida. Ma per alcuni ragazzi potrebbe non bastare raggiungere la fatidica data. Il leader della Lega Matteo Salvini, infatti, lancia una proposta sul suo profilo Instagram: “Niente patente a 18 anni per chi si comporta male“.

LEGGI ANCHE: Maxi-rissa tra giovani sul lungomare di Reggio Calabria. Falcomatà: “Capire i motivi”

LA PROPOSTA DI SALVINI SULLA PATENTE

“Per arginare il fenomeno delle baby gang la Lega proporrà di ritardare il conseguimento della patente per i giovani coinvolti negli episodi di violenze. Se ti comporti male, non avrai la patente a 18 anni”, spiega Salvini sul social network. “Così a qualcuno passerà la voglia di fare il cretino“, aggiunge il leader del Carroccio.

LEGGI ANCHE: Allarme ‘baby gang’, ma il pedagogista avverte: “Distinguere tra criminalità e vandalismo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-05T13:55:22+02:00