hamburger menu

Sanzioni Ue per l’ex presidente ucraino Yanukovich e suo figlio

Bruxelles accusa Yanukovic di presentarsi come legittimo presidente dell'Ucraina e il figlio di aver condotto transazioni con i separatisti del Donbass

05-08-2022 13:07
unione europea
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Il Consiglio dell’Unione europea ha deciso di aggiungere l’ex presidente dell’Ucraina, Viktor Fedorovych Yanukovich, e suo figlio, Oleksandr Viktorovych Yanukovych, all’elenco delle persone soggette a misure restrittive “per il loro ruolo in azioni che compromettono l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina, la stabilità e la sicurezza dello Stato”.

LEGGI ANCHE: Operazioni da case, ospedali e scuole, Amnesty accusa: “Le forze di Kiev hanno messo a rischio i civili”

Nel caso specifico – secondo il Consliglio Ue – Yanukovich è colpevole di presentarsi come “legittimo presidente dell’Ucraina presentando una posizione filo-russa nei suoi interventi pubblici”. Inoltre, secondo diverse fonti, Yanukovich ha preso parte a un’operazione speciale russa volta a farlo tornare presidente dell’Ucraina, durante le prime fasi dell’aggressione militare russa nel Paese.

Il figlio dell’ex presidente ucraino – si legge infine nel comunicato del Consiglio – è stato sanzionato “per aver condotto transazioni con i gruppi separatisti nella regione del Donbass“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-05T13:07:39+02:00