VIDEO | Consiglio regionale della Campania approva legge contro discriminazioni Lgbt

Con 34 voti favorevoli su 35 la Campania è la seconda Regione dopo l'Emilia-Romagna ad aver legiferato sull'omotransfobia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI –  Il Consiglio regionale della Campania ha approvato, con 34 voti favorevoli su 35, la legge denominata ‘Norme contro la violenza e le discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale o dall’identita’ di genere e modifiche legislative’. Rispetto al testo licenziato dalla sesta commissione, la norma approvata, attraverso una serie di emendamenti a firma del presidente della commissione Tommaso Amabile, non contiene la parte sul contrasto alla violenza maschile contro le donne. 

D’AMELIO: “CONTENTA PER IMPEGNO RISPETTATO”

Sono molto contenta perche’ era un impegno che avevamo preso con le associazioni. Abbiamo lavorato intensamente, c’e’ l’apporto della stragrande maggioranza del Consiglio e ho ringraziato i consiglieri perche’ insieme in questi 5 anni abbiamo approvato leggi importanti per la nostra comunita’“. Cosi’ la presidente del Consiglio regionale della Campania, Rosa D’Amelio, dopo l’approvazione della legge contro la violenza e le discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale o dall’identita’ di genere.”Terminiamo questa legislatura – rimarca – con una legge a difesa dei diritti di persone che spesso vivono situazioni di emarginazione”.

CIARAMBINO: “LEGGE DI CIVILTÀ FRUTTO DI LAVORO CONDIVISO”

Abbiamo sventato tentativi indecenti di ostruzionismo per un testo che doveva vederci tutti uniti”. La pensa cosi’ Valeria Ciarambino, capogruppo M5S in Consiglio regionale della Campania, dopo l’approvazione della legge contro la violenza e le discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale o dall’identita’ di genere. “Finalmente – prosegue – abbiamo una legge che in Campania non c’era e oggi c’e’ contro la violenza omotrasnfobica, a tutela delle persone lgbt che sono vittime di violenza. Grazie a questa norma, che deriva dall’unione di diversi testi tra cui uno dei 5 stelle, ci saranno rifugi e sportelli arcobaleno per le persone lgbt vittime di violenza. Si sanciscono principi fondamentali che nessuna forma di violenza nei riguardi di persone in virtu’ del loro orientamento sessuale e’ ammissibile nella nostra regione. È una legge di civilta’ frutto di lavoro condiviso – conclude Ciarambino – di cui vado fierissima”.

RAIA: “CAMPANIA SECONDA REGIONE A LEGIFERARE SULL’OMOTRANSFOBIA”

“Con l’approvazione di questa norma penso che abbiamo segnato un grande traguardo per la Regione Campania. Siamo la seconda Regione dopo l’Emilia Romagna ad aver legiferato sull’omotransfobia e possiamo ritenerci molto soddisfatti”. Cosi’ Loredana Raia, consigliera dem della Campania, dopo l’approvazione della legge contro la violenza e le discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale o dall’identita’ di genere. “Eravamo partiti diversamente – ammette – perche’ avevamo l’onere di mettere insieme quattro proposte di legge che trattavano argomenti simili ma in alcuni casi diversi e proprio ascoltando le considerazioni e la valutazioni di gran parte del mondo femminile che aveva chiesto a gran voce un supplemento di riflessione circa la possibilita’ di dare un contributo per aggiornare in Regione Campania la normativa sul contrasto alla violenza maschile sulle donne”. Raia spiega di aver “voluto accogliere queste sollecitazioni e l’appuntamento e’ solo rinviato alla prossima legislatura, che avra’ lo stesso segno, lo stesso presidente, spero moltissime presenze confermate, perche’ sulle donne e per le donne abbiamo fatto un lavoro straordinario in questi 5 anni”. La consigliera sottolinea come “il primo passo significativo lo abbiamo fatto in aula, un percorso non sempre agevole, pero’ possiamo ritenerci soddisfatti perche l’obiettivo e’ stato centrato per una comunita’, quella lgbt, che chiedeva a gran voce di essere rispettata”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»