Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Patrick Zaki cittadino onorario di Bari, decisione unanime del Consiglio comunale

"Nella figura del giovane ricercatore egiziano si riconoscono i valori autentici di libertà di pensiero, di espressione e di partecipazione alla vita pubblica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI. – Il Consiglio comunale di Bari ha approvato nella seduta di ieri e all’unanimita’, l’ordine del giorno proposto dal Pd che concede la cittadinanza onoraria a Patrick Zaki, il ricercatore dell’universita’ di Bologna e di origini egiziane, arrestato lo scorso febbraio a Il Cairo con l’accusa di istigazione al rovesciamento del governo e della Costituzione. Da allora, Zaky e’ ingiustamente detenuto e sottoposto a continue violazioni dei diritti umani, come denunciato da Amnesty International.

LEGGI ANCHE: Patrick Zaki resta in carcere, confermati 45 giorni di detenzione cautelare

Nella figura del giovane ricercatore egiziano, attivista per la tutela dei diritti umani e di genere, che aveva deciso di vivere in Italia e studiare a Bologna, si riconoscono infatti quei valori autentici di liberta’ di pensiero, di espressione e di partecipazione alla vita pubblica che sono pilastri stessi del nostro sistema democratico”, spiega il documento approvato in cui si legge che “la vicenda riapre una ferita profonda, quella legata alla tortura e all’uccisione di Giulio Regeni, rimasta ancora senza colpevoli, e ricorda come in Egitto il dissenso e la liberta’ di espressione vengano repressi con il sangue, la violenza e la cancellazione di qualsivoglia diritto”.

LEGGI ANCHE: 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»