VIDEO | A Beirut decine i dispersi. Trump: “Ha tutta l’aria di essere un attacco”

Continuano le operazioni di soccorso nei pressi del porto e dei quartieri circostanti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Supera i cento morti e i 4.000 feriti il bilancio dell’esplosione che ha colpito ieri Beirut, la capitale del Libano: ne dà notizia la Croce Rossa, riferendo inoltre che un centinaio di persone risultano ancora disperse. Continuano le operazioni di soccorso nei pressi del porto e dei quartieri circostanti investiti da una potente esplosione che ieri, intorno alle 18, sarebbe stata avvertita fino a Cipro.

LEGGI ANCHE: Libano, Bakeer (analista): “Un disastro soprattutto economico per un paese in una fase già difficilissima”

Secondo le autorità, la deflagrazione è stata causata da un incendio che ha raggiunto un deposito di quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio. Questa sostanza chimica viene impiegata per produrre fertilizzanti ma, come avverte il quotidiano locale Daily Star stamani, quando si combina con dei combustibili genera esplosioni molto potenti, per questo viene anche usata per produrre esplosivi. Una bomba a base di nitrato di ammonio fu fabbricata nell’attacco terroristico ad Oklahoma City, negli Stati Uniti, nel 1995, dove morirono 85 persone.

In un filmato realizzato da un elicottero condiviso stamani dall’emittente locale Lbc, è possibile vedere l’entità dei danni causati dall’esplosione al porto beirutino: capannoni e magazzini rasi al suolo, veicoli e infrastrutture per il carico e lo scarico delle merci bruciate, macerie ovunque. Secondo gli esperti, la stima delle vittime è purtroppo destinata a salire nelle prossime ore.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Due esplosioni a Beirut, oltre 100 morti e 4.000 feriti. Ministro Interno: “Al porto incendio in deposito nitrato di ammonio”

Il premier Hassan Diam ha proclamato per oggi la giornata di lutto nazionale, mentre da varie parti del mondo sono giunti messaggi di vicinanza e cordoglio per le vittime nonché, promesse di aiuti. Così ha fatto anche il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sull’accaduto ha aggiunto: “Ha tutta l’aria di essere un attacco”.

Un invito a non trarre conclusioni affrettate è giunto invece da Londra: “Le autorità libanesi stanno indagando quindi ora è prematuro speculare”, ha dichiarato il ministro dell’Istruzione, Nick Gibb. “L’Unione europea esprime piena solidarietà e il suo completo sostegno ai famigliari delle vittime, alla popolazione e alle autorità libanesi, dopo le violente esplosioni che hanno coinvolto la capitale Beirut”, ha twittano in arabo e francese l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue, Josep Borrell.

(Immagine presa da Twitter)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»