Tav, governo a rischio? Renzi scommette: “Va avanti, vincerà la voglia di poltrone”

L'ex segretario dem: "Il colmo è che tutti, dopo aver criticato gli 80€ dicendo fosse una mancia elettorale, oggi vogliono intestarsi questa misura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Mercoledì giorno della verità in Senato per capire se il Governo va avanti o no: si vota sulla TAV. Io scommetto sul fatto che la voglia di poltrone sarà più forte della dignità. Il Governo andrà avanti, l’Italia invece è ferma”. A dirlo e’ il senatore del Pd Matteo Renzi.

“E il bello – aggiunge- è che tutti adesso si buttano sugli 80€, a cominciare da Tria sempre più simile all’imitazione che ne fa Crozza. Il colmo è che tutti, dopo aver criticato gli 80€ dicendo fosse una mancia elettorale, oggi vogliono intestarsi questa misura. Il tempo sarà anche galantuomo, ma certi ministri non lo sono affatto”.

LEGGI ANCHE: Tav, crisi o rimpasto? Salvini consegna alle opposizioni il futuro del governo

PD. RENZI: SEGUIRO’ SEMPRE DI PIU’ INIZIATIVE COMITATI AZIONE CIVILE

“A proposito di certi ministri: sono intervenuto due volte su Salvini. Prima sulla vicenda del figlio poi rispondendo a un suo attacco. Ci sono state polemiche per la raccolta firme per le sue dimissioni, partita e poi interrotta per evitare polemiche. Ho scritto una email a tutti i firmatari, spiegando le ragioni del gesto. E chiedendo di dare una mano sempre di più alle iniziative di Azione Civile che lanceremo nelle prossime settimane”. Lo dice il senatore del Pd Matteo Renzi nella e-news ai sostenitori.

“A tutti voi – aggiunge- chiedo di darci una mano, in tutte le forme possibili. Creando un comitato, sostenendo la scuola “Meritare l’Italia” (anche economicamente, per chi può), preparandosi per la Leopolda. Il meglio deve ancora venire e dalla ripresa seguirò anche personalmente molto di più le iniziative dei Comitati Azione Civile contro i comportamenti incivili di Salvini e dei suoi alleati”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»