VIDEO | “Il governo tiene?” E Bonafede ride

“Ogni giorno c’è un nuovo tema che ci ha visto divisi in passato, su cui bisogna confrontarsi. Il confronto deve essere costante nella lealtà e nella correttezza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Una sonora risata, prima di passare alla parte seria della risposta. Così, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, colto di sorpresa dai cronisti, risponde a una domanda sulla tenuta del governo a margine di una conferenza stampa, questa mattina, a Genova.

Poi, facendo più serio, il Guardasigilli aggiunge: “Ogni giorno c’è un nuovo tema che ci ha visto divisi in passato, su cui bisogna confrontarsi. Il confronto deve essere costante nella lealtà e nella correttezza che ha contraddistinto questo primo anno di governo ma, chiaramente, non deve degenerare nell’offesa o nel litigio perché i cittadini italiani non vogliono vedere politici che litigano, altrimenti portiamo le lancette dell’orologio un tantino troppo indietro nel tempo”.

Per il ministro, “i cittadini vogliono vedere due forze politiche che si confrontano e prendono la soluzione migliore. Ogni volta che c’è una divergenza, come è stato sul processo penale, dico: mettiamoci al tavolo, confrontiamoci e troviamo la soluzione che interessa ai cittadini. Questo è il punto”.

Bonafede interviene anche sui contrasti da Di Battista e Salvini: “Si fa un cattivo servizio al Paese se si prendono dichiarazioni legittimamente fatte da liberi cittadini che pagano le tasse e hanno tutto il diritto di esprimere le proprie opinioni, come Alessandro Di Battista”.

E aggiunge: “Non vedo come le opinioni di Di Battista possano avere a che fare con la stabilità del governo. I cittadini dicono: ‘Questi stanno impazzendo’. Il ministro dell’Interno ha tutto il diritto ad esprimere il propio dissenso: un conto è lo scambio di opinioni, un conto è il lavoro che facciamo per i cittadini”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»