Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Grasso ricorda l’omicidio di Nino Agostino: “Sia fatta giustizia”

Fu trucidato sotto casa, il 5 agosto 1989, insieme alla moglie Ida Castelluccio, incinta di 5 mesi. Indagava sull'attentato a Falcone all'Addaura
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

grasso_agostino

ROMA – “Conoscete in molti l’oscura vicenda del fallito attentato all’Addaura a Giovanni Falcone. Nell’esaminare i fatti, con la sua estrema lucidità, Falcone osservò che una operazione del genere fosse frutto ‘di menti raffinatissime’. Il terribile sospetto, che non si è riusciti a provare con certezza, è che la regia di quel tentativo di uccidere Giovanni non fosse esclusivamente della mafia ma anche di parti corrotte dello Stato. Se quel giorno l’attentato non riuscì fu forse anche merito di un agente di polizia, Nino Agostino. Poco meno di due mesi dopo, Nino fu trucidato sotto casa, il 5 agosto 1989, insieme alla moglie Ida Castelluccio, incinta di cinque mesi di una bambina. Tutto questo avvenne sotto gli occhi dei genitori di Nino, Vincenzo ed Augusta. Da quel giorno Vincenzo non si taglia più la barba. Per farlo attende che sia svelata tutta la verità e fatta giustizia su questa oscura e intricata vicenda. Sono passati 27 anni, non possiamo attendere oltre”. Pietro Grasso, Presidente del Senato, lo scrive su Facebook commemorando l’omicidio di Nino Agostino.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»