Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Terapie innovative ad alto costo, il progetto Sifo per valutare l’appropriatezza prescrittiva

prescrizone medica ricetta
Cavaliere: "Con questa proposta farmacisti ospedalieri protagonisti del governo clinico"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel giro di pochi anni saranno disponibili oltre 20 nuovi farmaci dall’enorme potenziale terapeutico, ma anche dai prezzi decisamente elevati: davanti a questo scenario il SSN sarà in grado di garantire a tutti i cittadini e pazienti un equo accesso alle cure? Per affrontare questo passaggio stimolante e critico la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie ha presentato un Progetto per l’istituzione del servizio di valutazione dell’appropriatezza prescrittiva. Si tratta di una proposta che prevede l’avvio di board regionali (ma connessi in una rete nazionale a stretto contatto con le Agenzie ed istituzioni centrali) capaci di valutare appropriatezza ed impatto delle nuove terapie ad alto costo. “Il Progetto SIFO prevede la definizione di un modello condiviso per l’analisi e la gestione dell’appropriatezza prescrittiva– ha precisato Fausto Bartolini, coordinatore scientifico del Corso di Assisi e presidente del prossimo Congresso SIFO 2021- Il modello prevede, sulla base della raccolta puntuale dei dati, l’alimentazione di un cruscotto regionale ed aziendale che renda le strutture e le organizzazioni capaci di monitorare e valutare tempestivamente le scelte prescrittive e le modalità di utilizzazione del farmaco da parte del paziente”.

fausto bartolini
Fausto Bartolini

SIFO prevede cinque fasi operative per questa progettualità complessa (presentata ad Assisi al termine del Corso “La farmacia clinica: Dati e indicatori di performance, come utilizzarli per migliorare il Governo clinico”): la costituzione del gruppo di lavoro regionale, la definizione dell’approccio e del perimetro di analisi, lo sviluppo della metodologia adeguata e condivisa, la divulgazione e l’implementazione del modello così definito, con le conseguenti valutazioni. “Il nostro Progetto- prosegue Bartolini- prevede la costituzione di un board istituito all’interno di ogni regione, definito in strettissima collaborazione con i medici di medicina generale e con gli specialisti prescrittori, per ottenere la massima condivisione degli obiettivi: questo board sarà il soggetto guida di tutto il Progetto. Ovviamente tutti i singoli board regionali dovranno lavorare in rete in stretta collaborazione con le istituzioni centrali e con AIFA per assicurare una corretta ed omogenea circolazione e valutazione dei dati. Nostro obiettivo è avviare un percorso che sia in grado di fornire strumenti valutativi che si possano integrare con gli strumenti già esistenti, fornendo ai decisori il massimo contributo per orientare le scelte”. Commentando il Progetto, il presidente SIFO Arturo Cavaliere, ha sottolineato che con “questa proposta i farmacisti ospedalieri interpretano al meglio la loro vocazione di protagonisti del governo clinico attraverso la trasformazione del dato in informazione. Il SSN ed i decisori hanno bisogno di capire come governare concretamente l’innovazione terapeutica: riteniamo che questo Progetto SIFO sia un contributo che con competenza e tempestività permette alle istituzioni di gestire correttamente uno dei periodi più stimolanti per l’assistenza sanitaria”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»