Cooperazione, rapporto Aics: “Nel 2019 mille progetti in 66 paesi”

Scorso anno budget da 540 milioni e impegno per sviluppo sostenibile
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Oltre mille progetti attivi in 66 Paesi, 22 dei quali prioritari, per un budget di circa 540 milioni di euro: sono i numeri dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics), contenuti nell’Annual Report per il 2019 pubblicato in settimana.

“Il tanto di lavoro svolto viene raccontato attraverso le cinque parole-chiave dell’Agenda 2030” si legge in una nota: “Pace, persone, prosperita’, pianeta e partnership, le cinque “p” protagoniste anche del blog Oltremare”. Nel documento si evidenzia che dall’istituzione nel 2016 Aics si e’ mossa in sintonia con lo spirito dell‘Agenda 2030, coerentemente con la mission affidatale dalla legge di riforma della cooperazione, per contribuire al raggiungimento dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdgs) in ambito sociale, economico e ambientale.

Diversi gli ambiti trattati nell’Annual Report, dall’istruzione alla salute, dalla sostenibilita’ ambientale al rafforzamento dei diritti umani, con un’attenzione trasversale al tema della disabilita’ e dell’empowerment femminile. “Nelle pagine del Rapporto – ha sottolineato Luca Maestripieri, direttore di Aics – troverete tutto questo, narrato dai protagonisti del nostro lavoro: gli uomini e le donne con i quali e per i quali costruiamo un mondo piu’ solidale e piu’ equo, in cui ciascuno possa avere l’opportunita’ di sviluppare i propri talenti, nel rispetto dei propri diritti”. Accanto a loro, le comunita’ e le persone cui i nostri progetti sono rivolti, non dobbiamo dimenticare i tanti che, a Roma come a Firenze, come nelle nostre venti sedi nel mondo, lavorano con passione e competenza per l’Agenzia, per far vivere e funzionare quelle iniziative”.

Secondo Emilio Ciarlo, responsabile Comunicazione e rapporti istituzionali di Aics, “l’Annual Report racconta di un’Agenzia che sta rafforzando la propria organizzazione, la propria rete, aprendosi nuove strade in Europa e nel mondo, incrementando le risorse e raggiungendo piccoli e progressivi obiettivi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»