Il Wwf difende l’orso marsicano: “Si fa allarmismo, non è pericoloso”

L'associazione interviene dopo l'avvistamento ad Anversa negli Abruzzi. E dirama i consigli su cosa fare e non fare in caso di incontro ravvicinato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’orso marsicano è un animale tranquillo che teme l’uomo e se ne tiene alla larga”. L’avvistamento di un esemplare ad Anversa degli Abruzzi ha sollevato non poche paure e così, sulla questione, interviene il Wwf che parla di “ingiustificato allarmismo” cercando di tranquillizzare turisti e abitanti su un animale che, sottolinea “è una risorsa e non un pericolo. Mai- ricorda il vicepresidente del Wwf Italia Dante Caserta- si sono verificati casi di aggressione. Certo deve però sempre ricordare che si ha a che fare con un animale di grossa taglia che non deve sentirsi minacciato. La presenza di fauna di assoluto rilievo come orsi, aquile, lupi o cervi è molto importante: può costituire un’attrattiva turistica anche perché è la prova di un territorio sano e di un ambiente ben tenuto. Al tempo stesso però ci carica tutti di una responsabilità: facilitare la convivenza tra le attività umane e la presenza di questi animali. La cosa è possibile, basta seguire alcune semplici regole e adottare comportamenti attenti ai luoghi in cui ci si trova”.

VIDEO | Lupa ibrida di prima generazione catturata nel parco Gran Sasso – Laga

A chiedere la collaborazione di chi visita i luoghi dell’Oasi Wwf anche la direttrice Sefora Inzaghi: “L’incontro con un orso è sempre emozionante, ma non dobbiamo dimenticare che abbiamo una responsabilità verso questo animale e che l’obiettivo di tutela e conservazione è una priorità che ci deve vedere pronti a collaborare”.

Cosa fare quindi in caso di incontro ravvicinato?

L’associazione ci dà pochi ma buoni consigli: “se volete evitare di incontrare un orso sul vostro cammino, è sufficiente parlare o produrre rumori in modo che l’animale percepisca la vostra presenza con largo anticipo e si allontani. Se avete la fortuna di intravedere l’orso in lontananza, arrestatevi e rimanete fermi ad osservarlo. Non avvicinatevi mai a meno di 100 metri di distanza. Se lo incontrate mentre siete in auto su una strada asfaltata fermatevi e dategli il tempo di allontanarsi senza inseguirlo con i fari accessi. In particolare- spiega il Wwf- non avvicinatevi mai a cuccioli di orso, ma anzi allontanatevene subito perché la loro madre dovrebbe essere vicina e può reagire se immagina i suoi piccoli in pericolo, come farebbe qualsiasi madre anche della nostra specie”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»