Migranti, Di Maio: “Speculano tutti, chi chiude i porti e le Ong. Oltre 300 sbarchi nell’ultimo mese”

Il vicepremier M5S attacca anche il Pd: "Parlamentari dem già pronti con il costume, è tutto uno show"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non ci si può occupare di migranti solo quando fanno notizia: sono sbarcate 300 persone solo nell’ultimo mese. Dobbiamo lavorare sempre a difendere i confini, non solo quando ci sono le ong. A questo si aggiunge il fatto che è un grande show di speculazione: c’è chi se ne avvantaggia dicendo ‘no alle entrate’ e chi se ne avvantaggia dicendo ‘vogliamo entrare'”. Così il vicepremier Luigi Di Maio, a margine della visita al villaggio della Coldiretti a Milano.

“La ong Mediterranea- continua Di Maio- è l’ennesima dimostrazione che ormai le ong hanno trovato il loro palcoscenico: vanno nella acque Sar libiche, prendono delle persone che potrebbero essere salvate dalla Marina libica, se le mettono in barca, vengono in Italia e iniziano lo show sulla pelle di questi poveri disperati. Stiamo parlando di cinquanta persone su una barca a vela, sono incoscienti questi delle ong. Malta ha dato disponibilità ed è giusto che vadano a Malta”.

“I parlamentari del Pd- aggiunge- stanno già mettendo il costume per tornare su quest’altra nave. Io mi sono un po’ stancato di sentir parlare di ong che vogliono entrare nelle nostra acque quando invece in Italia abbiamo ancora un grosso problema di imprese e di lavoro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»