Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Omofobia, terza minaccia a Cathy La Torre: “Ti condanno a morte nel nome di Gesù”

BOLOGNA - Arriva una terza minaccia, stavolta una lugubre condanna a morte, per Cathy
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Arriva una terza minaccia, stavolta una lugubre condanna a morte, per Cathy La Torre, avvocato e attivista Lgtb. L’autore è sempre lo stesso, Bonifacio Ferrari, che evidentemente riesce ancora a scorrazzare sui social e a commentare la pagina Facebook di La Torre.

“Cathy La Torre- si legge nel post- lesbica sacrilega impenitente e impura, nel nome di Gesù Cristo nostro Signore ti condanno a morte per falsa testimonianza, per false credenze, per parole false e per aver profanato il nome di Gesù di Nazareth”. A corredo di questo la ‘solita’ foto di una pistola.

Si tratta della terza minaccia ricevuta da La Torre dal 18 giugno. L’autore, appunto, è sempre lo stesso. L’attivista Lgtb, che ha già annunciato nei giorni scorsi la partecipazione al Pride di Bologna sabato, fin dal primo post è andata alla Digos per sporgere denuncia.

Per esprimerle solidarietà il 25 giugno è stata organizzata sotto le Due Torri una biciclettata a cui lei stessa ha partecipato.

Leggi anche:

Omofobia, Cathy La Torre minacciata di nuovo: “Convertiti lesbica”

Omofobia, minacce ad attivista La Torre: “Arriverà un colpo di pistola…”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»