Torna a Roma il ‘Friday for future’, ragazzi in bici omaggiano George Floyd

"Se pensiamo all'aria che respiriamo ci viene subito in mente la frase di George: 'I can't breath', per questo vogliamo ricordarlo"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  I ragazzi dei ‘Fridays for future’ di Roma tornano in piazza con striscioni e slogan di ordinanza, ma questa volta con una novita’: la bicicletta. In cinquanta si sono radunati davanti al Colosseo per dare il via a una pedalata simbolica che li ha condotti a piazza del Pantheon. Qui, davanti ad uno dei monumenti piu’ rappresentativi della Capitale, hanno inscenato un flashmob, in cui alcuni manifestanti, con bici al seguito, hanno sorretto una serie di lettere cartonate che andavano a comporre la frase ‘Ritorno al futuro’, che, richiamando la celebra saga cinematografica, annuncia il ritorno delle piazze della mobilitazione contro il riscaldamento globale.

GLI SLOGAN PIÙ CREATIVI E L’OMAGGIO A GEORGE FLOYD

Come di consueto non manca la creativita’ negli slogan, da ‘Piu’ bici verso gli uffici’ a ‘On the bike for climate strike’, fino a ‘No al petrolio, si’ alla ganja’. Non manca l’omaggio a George Floyd, con la frase ormai divenuta uno slogan mondiale ‘I can’t breath’: “Se pensiamo all’aria che respiriamo- hanno detto i manifestanti- non possiamo non pensare alla frase di George, per questo vogliamo ricordarlo”.

LEGGI ANCHE: 

Le richieste che i ragazzi del Fff rivolgono ai potenti della terra sono sempre le stesse, ma questa volta il contesto e’ diverso, e l’opportunita’ potrebbe essere unica. “In un periodo di crisi economica post-Covid- ha detto l’attivista Clelia, all’agenzia Dire- chiediamo che i finanziamenti non vengano destinati a quei settori che hanno causato questa crisi ecologica. Questo e’ il momento di invertire questa tendenza”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»