VIDEO | Università, Manfredi: “Prima battaglia da fare è quella sul merito”

Lo sostiene Gaetano Manfredi, ministro dell'Università e della Ricerca, che oggi ha partecipato alle celebrazioni per il 796esimo compleanno della Federico II di Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


NAPOLI – “Noi siamo il Paese dove c’é l’età media dei docenti più alta d’Europa e questo é un grande limite perché significa perdere talento, perdere opportunità, perdere energia. E da questo dipende anche la scelta di molti giovani di andare via. Noi dobbiamo creare più opportunità: tra quest’anno e il prossimo bandiremo circa 6mila posti di ricercatore, una grande occasione per tanti giovani, anche per tornare in Italia”. Lo sostiene Gaetano Manfredi, ministro dell’Università e della Ricerca, che oggi ha partecipato alle celebrazioni per il 796esimo compleanno della Federico II di Napoli.
In una cerimonia diversa da quella degli altri anni, aperta dal rettore Arturo De Vivo e con i ragazzi collegati in videoconferenza, sono stati premiati 66 studenti meritevoli a cui verrà consegnato un premio di 500 euro. “Quando parliamo con i nostri ragazzi che stanno fuori – aggiunge Manfredi – ci dicono due cose: in Italia non ho avuto opportunità o in Italia qualcuno, che meritava meno di me, é stato preferito a me. Io credo che la prima battaglia che dobbiamo fare in Italia e’ proprio sul merito perché é il modo migliore per tenere i nostri giovani talenti nel nostro Paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»