Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

FOTO | #ElephantDeath, i disegni sui social rendono omaggio all’elefantessa uccisa da un ananas esplosivo

Il fatto e' avvenuto il 27 maggio nel Kerala, in India. Il frutto era stato riempito di petardi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print



























Previous
Next

ROMA – “Tra tutti gli animali l’uomo è il più crudele. È l’unico a infliggere dolore per il piacere di farlo”, scrive su Twitter un utente citando Mark Twain e postando un disegno di un uomo che porge a un elefante un ananas. Nascosta dietro il frutto, della dinamite, unita ad esso da del nastro isolante. E’ solo una delle tante immagini che stanno invadendo i social in queste ore per ricordare l‘elefantessa incinta, morta il 27 maggio a Kerala, in India, dopo aver ingerito un ananas riempito di petardi.

Il web si mobilita e, mostrando sdegno per l’accaduto, rende omaggio al pachiderma, vittima indifeso di una crudeltà insensata. Nelle ultime ore i social sono stati invasi da tantissimi disegni che ritraggono l’elefantessa e il piccolo che attendeva, nel suo ventre, accompagnati dall’hashtag #ElephantDeath, divenuto in breve tempo trending topic su Twitter. In molti di questi il pachiderma e’ ritratto immerso in un fiume (il Villiyar) dove si e’ recato realmente, in preda ad atroci sofferenze, dopo aver ingerito il frutto ripieno di esplosivo, rimanendo con la testa parzialmente sott’acqua, mentre sopraggiungeva la morte.

LEGGI ANCHE: In India un’elefantessa incinta uccisa da un ananas riempito di petardi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»