VIDEO | Cieco per l’Inps ma guidava l’auto, beni sequestrati a un sessantenne di Trapani

L'uomo beneficiava della pensione di invalidità dal 2005, per un valore complessivo di 40mila euro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
PALERMO – Per l’Inps era cieco, e per questa invalidita’ percepiva anche una pensione, ma in realta’ guidava l’auto rispettando perfettamente il codice della strada ed effettuava anche rifornimento nei distributori automatici di carburante. Protagonista un sessantenne di Campobello di Mazara, in provincia di Trapani, che e’ stato scoperto dai carabinieri. L’uomo e’ stato raggiunto da un decreto di sequestro preventivo emesso dal tribunale di Marsala nell’ambito di una indagine condotta dai carabinieri contro i falsi invalidi. Il sessantenne beneficiava della pensione di invalidita’ dal 2005, per un valore complessivo di 40mila euro, dovuta a una cecita’ parziale e un residuo visivo a entrambi gli occhi di un ventesimo con correzione. Le indagini portate avanti dai carabinieri, tuttavia, hanno fatto emergere una realta’ ben diversa: l’uomo, nonostante la prefettura gli avesse revocato la patente nel 1998per mancanza dei requisiti fisici previsti”, continuava a guidare tranquillamente la propria auto senza alcuna difficolta’, anche per lunghi itinerari, e senza l’ausilio di occhiali correttivi. L’uomo e’ stato ripreso mentre faceva rifornimento autonomamente e mentre svolgeva occupazioni domestiche come la potatura di un albero. Il sequestro preventivo chiesto e ottenuto dalla procura di Marsala riguarda una somma di 18.500 euro. L’uomo dovra’ rispondere di indebita percezione di erogazioni dello Stato e truffa aggravata. LEGGI ANCHE: VIDEO | Falsa cieca a Salerno percepiva indennità da 7 anni, indagata per truffa all’Inps
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»