Alitalia cancella i voli per Olbia: caos e rabbia tra i passeggeri

Dalle prime ore del mattino decine di migliaia di passeggeri che hanno prenotato un volo da e per la Sardegna con Alitalia si sono visti recapitare mail in cui la compagnia aerea informava di alcune modifiche ai viaggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Voli cancellati, riprogrammati, orari e itinerari che cambiano. Dalle prime ore del mattino decine di migliaia di passeggeri che hanno prenotato un volo da e per la Sardegna con Alitalia si sono visti recapitare mail in cui la compagnia aerea informava di alcune modifiche ai viaggi. Poche parole in cui, “scusandoci per il disagio“, venivano elencati i nuovi orari e le nuove destinazioni, invitando a contattare per assistenza il numero verde 800 650 055

La questione è ormai vecchia e riguarda la cosiddetta continuità territoriale

Per mesi è andato avanti il braccio di ferro tra Alitalia, Air Italy e la Regione Sardegna per assicurare la copertura dei collegamenti tra l’isola e il continente. Poi, la scorsa settimana, l’accordo sottoscritto dalle parti: voli condivisi tra Air Italy (che torna così a volare da Olbia verso Roma e Milano), Alitalia e la Regione. L’accordo, che conferma l’esclusività delle tratte in continuità alla compagnia che ha raccolto l’eredità di Meridiana, dall’8 giugno e fino al 31 dicembre 2019 o, nel caso, fino all’entrata in vigore del nuovo regime di voli agevolati.

In alta stagione solamente Air Italy e Alitalia si spartiranno le 6 frequenze giornaliere

Come spiega Alitalia, infatti, da sabato Alitalia potrà mantenere attivo solo un volo di andata e ritorno al giorno sulla tratta Olbia-Roma Fiumicino e un volo di andata e ritorno al giorno sulla Olbia-Milano Linate (nel mese di luglio, due voli al giorno). I collegamenti saranno disponibili fino all’8 settembre.

Nonostante il nuovo assetto riduca sensibilmente il numero dei voli operati da Alitalia, spiega la compagnia, è stato raggiunto un accordo con la Regione Sardegna e con Air Italy che consentirà di rispettare gli impegni presi con tutti i passeggeri già prenotati. In particolare, tutti i viaggiatori che opteranno per una soluzione diversa da quella offerta su voli Alitalia, saranno riprenotati gratuitamente sui voli di Air Italy o, in alternativa, potranno chiedere il rimborso integrale del biglietto.

Sembra tutto semplice, basta chiamare il numero verde dedicato, o in alternativa il numero a pagamento riservato alla continuità territoriale. Peccato che siano sempre occupati dalle prime ore del mattino, probabilmente sommersi dall’enorme numero di richieste di informazioni di chi, dalla sera alla mattina, si è visto cancellare il volo delle vacanze appena tre giorni prima della partenza, oppure si è visto ‘riprogrammato’ su un volo che parte il giorno prima o il giorno successivo, addirittura con scalo a Milano. Con conseguenti timori per le prenotazioni alberghiere.

La frustrazione dei passeggeri si è riversata anche sui social, con attacchi nei confronti di Alitalia

C’è chi sfoga la propria rabbia, come Giorgia Bernacca che su twitter scrive “nessuna spiegazione, nessun riposizionamento, call center inattivi! Siete da terzo mondo”. Chi augura “un meritato fallimento, quello vero” come Cipe73. Chi semplicemente chiede informazioni sulle prenotazioni “che voi avete modificato in modo unilaterale”, come Carla Giorgio. Chi allega screenshot del proprio smartphone messo in attesa dal call center anche per un’ora, come Paola Magni e Isa, e chi come StarEma chiede se per cambiare prenotazione “bisogna chiedere al presidente della Repubblica, servizio pessimo!”. Insomma, il caos non è solo nei cieli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»