Tra dl Crescita e Sblocca Cantieri, domani possibile faccia a faccia tra Salvini e Di Maio

Il senato approva l'emendamento per la sospensione parziale e temporanea del codice degli appalti, slitta il dl crescita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Potrebbe tenersi gia’ domani l’atteso vertice di maggioranza tra i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Oggi i due dovrebbero sentirsi per fissare il faccia a faccia.

LEGGI ANCHE: “Violate regole sul debito”: la Commissione Ue pronta alla procedura d’infrazione contro l’Italia

DL CRESCITA. NON CI SONO TESTI GOVERNO, LAVORI SLITTANO A LUNEDI’

Il governo non ha portato in commissione alla Camera il pacchetto di emendamenti che avrebbe potuto sciogliere gli ultimi nodi del decreto crescita: dal Salva Roma alle misure sul debito dei comuni fino a Carige e all’Inpgi.

Le commissioni Bilancio e Finanze di Montecitorio sono dunque ferme e non potranno continuare i lavori anche perchè mancano i pareri su tutti gli emendamenti accantonati. Le commissioni si riuniranno dunque lunedì mentre l’obiettivo era quello di approvare il provvedimento in aula già sabato questo.

SBLOCCA CANTIERI. OK SENATO A ‘STOP’ PARZIALE NORME CODICE APPALTI

L’aula del Senato, con 174 si’, 55 no e 40 astenuti, ha approvato il super-emendamento di maggioranza allo sblocca cantieri, a doppia firma Patuanelli (M5s)-Romeo (Lega), fortemente voluto dal Carroccio e sul quale ieri è stato trovato l’accordo con l’alleato di governo.

L’emendamento, che sospende fino al 31 dicembre 2020, l’applicazione di alcune norme del Codice appalti, è stato riformulato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»